Cassazione: non basta la presenza di un'insidia per ottenere il risarcimento del danno!

La presenza di un'insidia non è sufficiente a far ottenere al danneggiato il diritto al risarcimento del danno, essendo necessario tenere conto anche dell'elemento soggettivo della sua prevedibilità. Inoltre, pesa sul bilanciamento tra prevenzione e cautela la conoscenza dei luoghi da parte del danneggiato che avrà un onere di maggior prudenza e diligenza.


Lo ha chiarito la Corte di Cassazione, terza sezione civile, nell'ordinanza n. 8777/2019 (qui sotto allegata) respingendo il ricorso di un uomo, infortunatosi dopo essere caduto su un cordolo di gomma, rivestito da un telo posticcio non fissato saldamente a terra, posto ai lati del campo da tennis. Niente da fare per la sua richiesta di risarcimento danni nei confronti dell'associazione sportiva.


La sua domanda, infatti, viene respinta dai giudici di merito, ma anche dalla Cassazione, secondo cui la valutazione di esclusione del nesso causale, tra la presenza del cordolo e i danni riportati dal ricorrente, operata dalla corte territoriale, risulta coerente con la giurisprudenza di legittimità.

Nel caso in cui l'insidia si trovi in un luogo ben conosciuto dal danneggiato, sarà dunque suo onere tenere un comportamento maggiormente prudente e diligente. In caso contrario, la sua imprudenza sarà idonea a integrare il caso fortuito.


.

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags

Tel. 075.3727376

Cell. 338.7320466

Fax. 075.9692105

avv.dimatteo@gmail.com

Perugia, Via del Macello n. 61

Lunedì-Venerdì: 16.00 - 19:00

Prendi un appuntamento anche on line!

Bastia Umbra , Via Alcide De Gasperi n. 15

c/o Professional Gallery

Lunedì-Venerdì: 16.00 - 19:00

Prendi un appuntamento anche on line!

 

VIENI A

TROVARCI!

contattaci

Per una consulenzA!